Posizionamento su Google, quanto è importante?

Oggi parliamo di posizionamento su Google e sui motori di ricerca. La SEO, Search Engine Optimization. Ramo del web marketing che si focalizza sull’accrescere la visibilità delle pagine di un sito nei risultati organici dei motori di ricerca. La maggior parte delle attività di posizionamento vengono fatte per ottimizzare il sito su Google, in quanto è il motore di ricerca più utilizzato.

La Search Engine Optimization include molti aspetti. Dalle parole che compongono i testi delle pagine, al modo in cui è possibile giungere al sito tramite link da altri siti. Continua a leggere Posizionamento su Google, quanto è importante?

MEDIASTUDIO è ‘Idee in Movimento’

Dal 4 al 12 settembre Mediastudio diventa “Idee in Movimento“. Nel padiglione centrale della 64′ Fiera Campionaria di Pordenone, Mediastudio presenta i nuovi servizi dedicati alla comunicazione Web e all’online business.

Mediastudio partecipa all’evento “Fabbrica delle Idee” per confermare ancora una volta l’importanza dell’innovazione e del territorio nel percorso di crescita dello studio. Un’occasione unica e stimolante dove poter scoprire e “toccare con mano” le nuove idee Web e mobile orientate al new-business. Soluzioni all’avanguardia che combinano online advertising, Social Network e applicazioni wireless per iPhone e iPad. La proposta di un utilizzo innovativo e integrato del Web concepito per: essere primi nei motori di ricerca, raggiungere nuovi clienti e scoprire nuovi mercati, promuovere prodotti e gestire l’azienda online.

Mediastudio quindi protagonista della “Fabbrica delle Idee” per rilanciare, promuovere e innovare la propria attività. Il 4 settembre, al PAD 5 del quartiere fieristico di Pordenone, inizia un viaggio reale nel mondo virtuale del Web. Un viaggio da “toccare con mano”.

Segui l’evento

+14% La pubblicità online continua a crescere

In un clima economico ancora incerto il Web si propone come uno strumento in continuo sviluppo, diventando un canale preferenziale per la comunicazione delle aziende. Secondo il recente ‘Media Monthly report’ di Nielsen Company, la rete Internet chiude il primo semestre 2010 in attivo: aumentando sia numero di utenti che investimenti pubblicitari da parte delle aziende.  Una situazione particolarmente favorevole per il nuovo media, in crescita, mentre gli altri canali subiscono delle importanti battute d’arresto.

Nielsen riporta come l’audience internet sia aumentato del 13% nell’ultimo anno raggiungendo quota 24,5 milioni di utenti, mantenendo sostanzialmente invariato il traffico con 34 sessioni mensili per circa 54 minuti di navigazione al giorno. Cambiano anche gli interessi dei navigatori che, mantenendo invariato il traffico su canali search, portali e community, visualizzano sempre più contenuti provenienti da siti contenenti video e news. Le aziende hanno saputo cogliere velocemente questi nuovi trend dei consumatori investendo maggiormente nel media online. Con oltre 4,5 miliardi di Euro di investimenti, le aziende hanno aumentato di circa il 14,6% la spesa complessiva nell’ online advertising rispetto a gennaio 2010. Sempre nel primo semestre hanno invece subito una riduzione degli investimenti i media più tradizionali: soprattutto la stampa con un calo del 9,2% per periodici e riviste.

Il primo semestre 2010 segna una tappa importante nello sviluppo del canale Web. Mentre gli utenti lo preferiscono sempre di più come ‘all-around’ media, le aziende hanno iniziato a credere nelle capacità di promozione e sviluppo di Internet.

SOCIAL FEEDback PROMOTION – il Canada visto dai turisti

In uno scenario dove la comunicazione online guidata dai Social Media promuove caratteristiche come la trasparenza, la collaborazione/scambio di opinioni e il ‘real-time’, DDB Vancouver decide di sfruttare al massimo questi elementi per promuovere il turismo in Canada. La soluzione sono i ‘digital storescapes’, delle vetrine digitali multi-touch dove appaiono contenuti riguardanti il Canada raccolti in tempo reale dai canali Twitter e TwitPic.

L’obiettivo è di comunicare in maniera diretta, efficace ed intuitiva, la bellezza e le varie opportunità turistiche che il Canada può offrire. Una mission decisamente interessante, sopratutto visto il target di riferimento: il cittadino medio americano. La scelta quindi è ricaduta sul media ‘per eccellenza’, sullo strumento più diffuso e utilizzato capillarmente a livello mondiale, il Social Media. Nel Social Media, in questo caso Twitter, era già presente un ampio ‘buzz’ riguardante il Canada prodotto dai numerosi turisti realmente in visita in quel momento. La produzione di nuovi contenuti è stata sostenuta da un concorso, rivolto agli americani e ai turisti in Canada, che seguendo ‘@keep_exploring‘ su Twitter e partecipando alla conversazione online potevano vincere un viaggio in Canada. A questo punto, per sfruttare le caratteristiche del Social e l’impatto più ‘tradizionale dei billboards, sono stati introdotti i ‘digital storescapes’: enormi pareti touch-screen dove i passanti possono visualizzare in tempo reale il buzz e le esperienze di viaggio di migliaia di persone. Un progetto molto ambizioso che vedrà la luce a fine luglio 2010 nelle città di New York, Chicago e Los Angeles.

Stiamo assistendo ad una nuova evoluzione Social. Finita la battaglia tra ‘vecchi’ e nuovi media, possiamo realizzare come sia efficace il loro utilizzo congiunto.

iAd: l’esclusiva advertising platform di Apple

Apple con lo sviluppo dell’iPhone OS 4.0 ha presentato la sua nuova piattaforma di pubblicità mobile ‘iAd‘. Lazienda di Cupertino punta ancora una volta sul mobile advertising dopo l’acquisizione nel gennaio scorso di Quattro Wireless.

Le aziende possono utilizzare iAd per promuovere i propri prodotti all’interno delle applicazioni iPhone. Una nuova formula di advertising che intende sviluppare al massimo l’emozione e la possibilità d’interazione con il consumatore. Secondo Steve Jobs è un’opportunità unica, un sistema per mantenere l’utente all’interno dell’applicazione utilizzata e contemporaneamente gli permette di fruire di contenuti pubblicitari multimediali (video, giochi, cataloghi). Le applicazioni advertising possibili con iAd sono innumerevoli: dalla personalizzazione di un prodotto (NIKE id), alla scelta di diversi oggetti da catalogo (Target Store), alla preview di un nuovo film (Disney’s Toy Story).

La piattaforma iAd potrà quindi contare su alcune caratteristiche di forte impatto per il consumatore e accedere ad un mercato di circa 1 miliardo di impressions al giorno su oltre 100 milioni di dispositivi iPhone al Mondo. iAd si presenta come un nuovo sistema di mobile advertising valido ed estremamente innovativo, in grado di rivaleggiare nel settore della pubblicità ‘in movimento’ con il leader del settore Google AdWords.

Interazione – perchè i consumatori preferiscono l’online advertising

Secondo l’ultimo sondaggio promosso da AdFusion i consumatori sono sempre più favorevoli a ricevere pubblicità online rispetto ai media tradizionali. I consumatori reagiscono positivamente soprattutto alla pubblicità interattiva come articoli di contenutistici e promozioni dirette via e-mail.

Il consumatore utilizza attivamente il Web per ricercare informazioni utili e trarre da queste il massimo vantaggio. Sempre più spesso anche le decisioni d’acquisto passano attraverso un processo di documentazione e confronto in Internet, e per questo viene acccolta più favorevolmente la pubblicità online. I consumatori preferiscono i formati pubblicitari che gli permettono un certo livello di interazione e un reale vantaggio sotto forma di offerta o informazione utile. Per questo motivo fra i format di online advertising preferiti troviamo gli articoli riguardanti marchi/prodotti (oltre 53% di interviste favorevoli), le offerte ricevute via e-mail (51%) e i  nei motori di ricerca (40%). I formati invece che risultano più penalizzati sono i banner ads con solo il 28% di intervistati favorevoli e i pop-up ads con il 19%.

La pubblicità online si conferma come una delle migliori risorse per promuovere i propri prodotti direttamente ed efficacemente ai consumatori. I consumatori hanno già scelto il loro strumento pubblicitario preferito, ora tocca alle aziende.

Ad Sitelinks: Google Adwords si fa in quattro

Da qualche mese Google ha introdotto una nuova e interessante feature alla piattaforma di online advertising AdWords: Google Ad Sitelinks. Grazie a questa nuova funzione gli annunci PPC in prima posizione potranno aggiungere fino a quattro link sotto il messaggio promozionale.

Ad Sitelinks è una funzione semplice ma che è in grado  di sviluppare nuove importanti opportunità per le campagne pubblicitarie sul Web. Presentare un messaggio con più link, che rimandano a diverse sotto-aree del sito, può aumentare notevolmente il numero di click e quindi aumentare il traffico di clienti che raggiungono l’azienda. Secondo le stime di Google con Ad Sitelinks il numero di click aumenta di circa il 30/40% rispetto ad una campagna AdWords tradizionale. Una proposta differenziata inoltre riesce a soddisfare al meglio le esigenze dei clienti, trasformandosi così in una reale occasione di acquisto. Un valido strumento quindi non solo per raggiungere il target specifico, ma anche per abbassare i costi di conversione e aumentare il ROI.

La piattaforma AdWords si arrichisce di nuove funzionalità, andando ad affiancare sempre più ‘ad armi pari’ i normali risultati dei motori di ricerca. La visibilità online si riconferma come una sfida altamente competitiva, adatta solo alle aziende che sapranno letteralmente ‘farsi in quattro’.

Mobile Marketing: largo ai Mobile Coupons!

Una recente ricerca di Compete ha dimostrato come mentre gli utilizzatori del cellulare siano favorevoli ad azioni promozionali personalizzate, il mobile marketing non abbia ancora dar prova di tutte le sue potenzialità. Il mobile che solo un anno fa sembrava uno strumento troppo giovane per essere adottato a pieno dal marketing, ha una schiera di utenti maturi e pronti a guidarne la crescita.

Lo studio evidenzia come oltre il 36% degli utenti desideri ricevere coupons promozionali personalizzati sul proprio telefonino ma solo il 9% è stato raggiunto nell’ultimo anno da questo tipo di promozioni. In questo caso non solo sono gli utenti stessi a richiedere un ‘servizio’ ma hanno anche le idee molto chiare su come e cosa vogliono ricevere. Ecco quindi delinearsi delle richieste precise e ben definite: il 29% vorrebbe avere la possibilità di scannerizzare un codice sul prodotto per avere subito uno sconto, mentre il 26% vorrebbe delle offerte da poter salvare nel proprio telefonino ed utilizzare a piacimento in futuro. L’SMS si dimostra ancora come la scelta più facile per la comunicazione mobile con il 26% di utenti intervistati favorevoli, mentre il 15% si è dichiarato disponibile a ricevere qualsiasi formato di pubblicità sul telefonino.

Dopo un primo lento sviluppo sembra che il mobile marketing sia finalmente pronto a ‘dare i numeri’. E i questo caso sono tutti indubbiamente molto positivi.

Digital Marketing: la crescita nel 2010

Secondo uno studio condotto fra le più importanti agenzie di marketing a livello mondiale il Digital Marketing vedrà un rapido sviluppo già dal Q1 2010. Dopo un parziale rallentamento del settore alla fine del 2009, il digitale tornerà ad essere scelto come strumento d’eccellenza per promuovere le aziende.

I settori del Digital Marketing che vedranno uno sviluppo maggiore sono il B2C, le Web Analytics e il Web Marketing. Il B2C sarà utilizzato per migliorare il rapporto tra le aziende e i clienti, sfruttando l’interattività della Rete per operazioni di vendita e assistenza. Le Web Analytics serviranno a raccogliere e catalogare i dati, evidenziando l’andamento delle campagne online e trasmettendo concretezza e fiducia al settore. Infine il Web Marketing vedrà un repentino sviluppo grazie all’evoluzione della Rete e al cambiamento dei comportamenti del consumatore.

Nel 2010 il Digital Marketing prevede di ripartire da dove la crisi economica aveva segnato una battuta d’arresto.

Le aziende migliori scelgono i SOCIAL MEDIA

Uno studio condotto per la rivista Fortune fra le 500 più grandi aziende degli Stati Uniti conferma l’enorme impatto dei Social Media. I dati raccolti in collaborazione con il Center of Marketing Research dell’University of Massachusets evidenziano il livello di adozione di blog, Twitter e video blogging negli anni 2008 e 2009.

L’attività delle aziende nei corporate blog sono aumentate del 6% nell’ultimo anno, prediligendo gli elementi d’interazione come commenti, iscrizioni e feed RSS. Oltre il 20% delle companies utilizza Twitter, circa il 69% in maniera molto attiva rispondendo con ‘@replies’ e pubblicando regolarmente news e informazioni di settore. Anche  il video blogging ha visto un incremento di utilizzo fino a raggiungere il 31% del 2009, e affidandosi in particolar modo alla piattaforma YouTube.

Con il costante aumento di utenti che utilizzano i Social Media le aziende devono affrontare un cambio di prospettiva. Per comunicare con i consumatori è necessario farlo alla pari, utilizzando le nuove tecnologie collaborative dei Social Media.

Le migliori aziende statunitensi lo hanno già fatto.