Sempre più Tablet – iPad guida la crescita del digitale mobile

Con l’introduzione di iPad il 27 gennaio 2010 Apple ha rivoluzionato il mondo del digitale mobile. Il primo vero dispositivo tablet, con interfaccia completamente touch, ha re-inventato il modo di navigare in internet e di accedere ai contenuti multimediali in completa mobilità.

L’ultima ricerca presentata dall’International Data Corporation (IDC) ha dimostrato il successo della nuova formula di accesso ai contenuti presentata da iPad. Il dispositivo tablet di Apple ha avuto un fortissimo impatto nel mercato digitale: nel 2010 le vendite di tablet pc sono aumentate del 45%, e iPad ha conquistato il 90% del mercato con 4,19 milioni di dispositivi venduti (Q3 2010). Anche gli e-reader, i tablet ottimizzati per la lettura di libri e riviste, hanno subito un forte incremento di vendite nell’ultimo anno con in testa Kindle di Amazon, seguito da Pandigital Novel e il Nook di Barnes&Noble.

Secondo IDC il futuro dei tablet è destinato a crescere ancora. Le previsioni della ricerca sono ottimistiche: nel 2010 i tablet venduti saranno oltre 17 milioni, nel 2011 saranno 44,5 milioni e nel 2012 sono destinati a raggiungere quota 70,8 milioni. Vedremo se Apple, con l’evoluzione di iPad2, saprà rivoluzionare ancora una volta il digitale mobile.

SOCIAL FEEDback PROMOTION – il Canada visto dai turisti

In uno scenario dove la comunicazione online guidata dai Social Media promuove caratteristiche come la trasparenza, la collaborazione/scambio di opinioni e il ‘real-time’, DDB Vancouver decide di sfruttare al massimo questi elementi per promuovere il turismo in Canada. La soluzione sono i ‘digital storescapes’, delle vetrine digitali multi-touch dove appaiono contenuti riguardanti il Canada raccolti in tempo reale dai canali Twitter e TwitPic.

L’obiettivo è di comunicare in maniera diretta, efficace ed intuitiva, la bellezza e le varie opportunità turistiche che il Canada può offrire. Una mission decisamente interessante, sopratutto visto il target di riferimento: il cittadino medio americano. La scelta quindi è ricaduta sul media ‘per eccellenza’, sullo strumento più diffuso e utilizzato capillarmente a livello mondiale, il Social Media. Nel Social Media, in questo caso Twitter, era già presente un ampio ‘buzz’ riguardante il Canada prodotto dai numerosi turisti realmente in visita in quel momento. La produzione di nuovi contenuti è stata sostenuta da un concorso, rivolto agli americani e ai turisti in Canada, che seguendo ‘@keep_exploring‘ su Twitter e partecipando alla conversazione online potevano vincere un viaggio in Canada. A questo punto, per sfruttare le caratteristiche del Social e l’impatto più ‘tradizionale dei billboards, sono stati introdotti i ‘digital storescapes’: enormi pareti touch-screen dove i passanti possono visualizzare in tempo reale il buzz e le esperienze di viaggio di migliaia di persone. Un progetto molto ambizioso che vedrà la luce a fine luglio 2010 nelle città di New York, Chicago e Los Angeles.

Stiamo assistendo ad una nuova evoluzione Social. Finita la battaglia tra ‘vecchi’ e nuovi media, possiamo realizzare come sia efficace il loro utilizzo congiunto.

Google Place Pages goes Mobile

Solo qualche mese fa Google lanciava la nuova web application per l’organizzazione delle informazioni utili riguardanti le località: Place Pages. Ora potete utilizzare questi servizi al meglio e in completa mobilità con la nuova versione Place Pages per mobile.

Il panorama delle applicazioni per esplorare intelligentemente la propria città si arricchisce ancora una volta. Con Place Pages per mobile, Google si pone in diretta concorrenza con le altre realtà di successo del settore quali Foursquare, Brightkite e Gowalla. Place Pages vi permette di ricercare una località particolare, visualizzare le informazioni utili (come orari e contatti), vedere le recensioni di altri utenti e vedere la posizione all’interno di una mappa. Se queste informazioni non sono ancora sufficienti potete anche utilizzare i link a recensioni dettagliate su altri siti web, o navigare la mappa in Google Maps a pieno schermo. Un servizio completo che mira a fornivi le informazioni più importanti in tempo reale, aggiornate e perfettamente integrate con gli altri servizi Google. La versione mobile di Place P. che vedremo anche in Europa entro qualche mese, è ora disponibile nel territorio degli Stati Uniti da smartphone iPhone e Android.

Le mappe interattive stanno dimostrando tutto il loro potenziale, come abbiamo visto per esempio con l’applicazione Fuori Salone di Interni. Google Place Pages raccoglie la sfida e ripropone in versione wireless i servizi di localizzazione che lo hanno già reso famoso nel Web.

iAd: l’esclusiva advertising platform di Apple

Apple con lo sviluppo dell’iPhone OS 4.0 ha presentato la sua nuova piattaforma di pubblicità mobile ‘iAd‘. Lazienda di Cupertino punta ancora una volta sul mobile advertising dopo l’acquisizione nel gennaio scorso di Quattro Wireless.

Le aziende possono utilizzare iAd per promuovere i propri prodotti all’interno delle applicazioni iPhone. Una nuova formula di advertising che intende sviluppare al massimo l’emozione e la possibilità d’interazione con il consumatore. Secondo Steve Jobs è un’opportunità unica, un sistema per mantenere l’utente all’interno dell’applicazione utilizzata e contemporaneamente gli permette di fruire di contenuti pubblicitari multimediali (video, giochi, cataloghi). Le applicazioni advertising possibili con iAd sono innumerevoli: dalla personalizzazione di un prodotto (NIKE id), alla scelta di diversi oggetti da catalogo (Target Store), alla preview di un nuovo film (Disney’s Toy Story).

La piattaforma iAd potrà quindi contare su alcune caratteristiche di forte impatto per il consumatore e accedere ad un mercato di circa 1 miliardo di impressions al giorno su oltre 100 milioni di dispositivi iPhone al Mondo. iAd si presenta come un nuovo sistema di mobile advertising valido ed estremamente innovativo, in grado di rivaleggiare nel settore della pubblicità ‘in movimento’ con il leader del settore Google AdWords.

Mobile Marketing: largo ai Mobile Coupons!

Una recente ricerca di Compete ha dimostrato come mentre gli utilizzatori del cellulare siano favorevoli ad azioni promozionali personalizzate, il mobile marketing non abbia ancora dar prova di tutte le sue potenzialità. Il mobile che solo un anno fa sembrava uno strumento troppo giovane per essere adottato a pieno dal marketing, ha una schiera di utenti maturi e pronti a guidarne la crescita.

Lo studio evidenzia come oltre il 36% degli utenti desideri ricevere coupons promozionali personalizzati sul proprio telefonino ma solo il 9% è stato raggiunto nell’ultimo anno da questo tipo di promozioni. In questo caso non solo sono gli utenti stessi a richiedere un ‘servizio’ ma hanno anche le idee molto chiare su come e cosa vogliono ricevere. Ecco quindi delinearsi delle richieste precise e ben definite: il 29% vorrebbe avere la possibilità di scannerizzare un codice sul prodotto per avere subito uno sconto, mentre il 26% vorrebbe delle offerte da poter salvare nel proprio telefonino ed utilizzare a piacimento in futuro. L’SMS si dimostra ancora come la scelta più facile per la comunicazione mobile con il 26% di utenti intervistati favorevoli, mentre il 15% si è dichiarato disponibile a ricevere qualsiasi formato di pubblicità sul telefonino.

Dopo un primo lento sviluppo sembra che il mobile marketing sia finalmente pronto a ‘dare i numeri’. E i questo caso sono tutti indubbiamente molto positivi.

Mobile Media Metrics – statistiche consumatori mobile web

Il Mobile Web conferma la sua crescente importanza come strumento di marketing maturo. Il ‘nuovo media’, pur essendo l’ultimo a fare la sua comparsa nel panorama della comunicazione rivolta al consumatore, si vuole proporre come canale professionale e affidabile introducendo delle metriche proprie.

Le Mobile Media Metrics saranno delle statistiche che monitorizzeranno i dati più significativi riguardanti l’utilizzo del Mobile Web da parte degli utenti. Le statistiche più importanti riguarderanno i siti visitati, le impressioni per pagina, il tempo speso nella navigazione, le ricerche e le applicazioni utilizzate. Una selezione di dati estremamente significativi e riconosciuti a livello mondiale che servirà a rendere il Mobile Web più affidabile ed efficace per gli operatori del settore.

Anche se difficilmente le MMM porteranno a un drastico aumento degli investimenti nel Mobile Web a breve termine, i dati serviranno a massimizzare i ritorni sulle campagne e ad aumentare la fiducia nel nuovo media emergente.

Mobile Marketing Mediastudio