Quando la tecnologia può aiutare l’umanità

Quante volte associamo i social allo svago senza pensare a quanto la tecnologia possa essere utile nel campo sociale?

È proprio Facebook il social che in questi giorni ci dà dimostrazione di quanto possa essere utile in momenti critici dove c’è un serio bisogno d’aiuto. È da tempo attivo il Safety Check, strumento molto utile e purtroppo molto utilizzato negli ultimi mesi a causa dei fatti accaduti, che consente agli utenti di rassicurare amici e parenti sul loro stato quando si trovano in luoghi dove è accaduto un attentato o un disastro naturale.

La mappa dei disatri

Nei giorni scorsi Facebook ha annunciato l’introduzione della mappa dei disastri che, attraverso i dati forniti dal social network, fornirà alle organizzazioni e ai soccorsi gli aiuti necessari per identificare le persone che si trovano nell’area interessata. L’iniziativa è il risultato di un lavoro creato a stretto contatto con alcune importanti realtà: UNICEF, la Federazione Internazionale della Croce Rossa, il World Food Programme e altre.

mappa disastri facebook

Sono state elaborate diverse mappe che permetteranno di mostrare dove si trovano le persone prima, durante e dopo un disastro. Le mappe di movimento servono per capire la collocazione degli utenti ancora prima di aver annunciato su Facebook di essere al sicuro, per indirizzare i soccorsi nei punti dove c’è maggiore bisogno di intervento. Il punto fondamentale però è individuare e distinguere le deviazioni normali rispetto a quelle legate alle situazioni di emergenza. A proposito della questione, Zuckerberg ha garantito che i dati verranno confrontati con i movimenti delle 3 settimane precedenti per non incappare in eventuali errori.

Il servizio però funziona solo se l’app di Facebook e la geolocalizzazione sono contemporaneamente attive sullo smartphone.

Una tecnologia quindi molto efficace per migliorare e velocizzare i soccorsi in momenti critici e informare i propri cari sul proprio stato, evitando così allarmismi che si creano ogni qualvolta accadono questi spiacevoli eventi.

Il video realizzato da Facebook sull’argomento